GIUSI SANTAGATI

Insegnante Danza Classica e Contemporanea

PROFILO PROFESSIONALE
Dal 1984 al 1986 lavora al Teatro dell’Opera. Gli anni a seguire lavora come freelance in varie compagnie e nell’88 entra allo Stadttheater di Berna come solista. E’ qui che inizia i suoi primi approcci con la coreografia, mettendo in scena insieme a O. Schmidt una pièce di teatro danza per danzatori e attori e firmando le coreografie in due lavori teatrali, Nozze di Sangue di Lorca e Il giardino dei ciliegi di Cechov.
Nel 1991 rientra in Italia e lavora per il Balletto di Sicilia diretto da R. Zappalà e con il Balletto di Napoli diretto da L. Cannito dove resterà fino al 1994.
Dal 1998 al 2000 danza come prima ballerina nella compagnia dello Staatstheater di Karlsruhe, Germania.
Nel 2004 diventa direttore artistico e didattico di Startanz, corsi di formazione professionale di danza classica e contemporanea con sede a Scenario Pubblico e crea una giovane compagnia di danza contemporanea, Compagnia Pareri Variabili.
Nel 2006 è maitre de ballet per il Teatro Massimo di Palermo e il per il Balletto Teatro di Torino e lo stesso anno presenta “Obedience” all’interno della rassegna di danza contemporanea organizzata da Scenario Pubblico. Con la stessa coreografia è ospite alla rassegna “Danza da bruciare” a Roma. Nel 2007 debutta con la nuova coreografia “Sunmit”, progetto in collaborazione con l’Osservatorio Astrofisico e il dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania e con la stessa coreografia è ospite alla rassegna “Eolie sotto le stelle“, a Lipari.
Da Settembre 2010 è docente di danza classica e contemporanea al centro internazionale coreografico Opusballet di Firenze e collabora con Virgilio Sieni per i progetti sulla danza all’interno dell’Accademia del Gesto ai Cantieri Goldonetta. Da settembre 2011 a giugno 2017 docente di danza classica alla scuola del Balletto di Toscana.
Febbraio 2015 è ospite alla rassegna di danza contemporanea NU.DA, a Firenze ,con la nuova coreografia “CUT” , creata per i danzatori della Compagnia Opusballet.

GIUSI SANTAGATI

Insegnate Danza Classica e Contemporanea

PROFILO PROFESSIONALE
Dal 1984 al 1986 lavora al Teatro dell’Opera. Gli anni a seguire lavora come freelance in varie compagnie e nell’88 entra allo Stadttheater di Berna come solista. E’ qui che inizia i suoi primi approcci con la coreografia, mettendo in scena insieme a O. Schmidt una pièce di teatro danza per danzatori e attori e firmando le coreografie in due lavori teatrali, Nozze di Sangue di Lorca e Il giardino dei ciliegi di Cechov.
Nel 1991 rientra in Italia e lavora per il Balletto di Sicilia diretto da R. Zappalà e con il Balletto di Napoli diretto da L. Cannito dove resterà fino al 1994.
Dal 1998 al 2000 danza come prima ballerina nella compagnia dello Staatstheater di Karlsruhe, Germania.
Nel 2004 diventa direttore artistico e didattico di Startanz, corsi di formazione professionale di danza classica e contemporanea con sede a Scenario Pubblico e crea una giovane compagnia di danza contemporanea, Compagnia Pareri Variabili.
Nel 2006 è maitre de ballet per il Teatro Massimo di Palermo e il per il Balletto Teatro di Torino e lo stesso anno presenta “Obedience” all’interno della rassegna di danza contemporanea organizzata da Scenario Pubblico. Con la stessa coreografia è ospite alla rassegna “Danza da bruciare” a Roma. Nel 2007 debutta con la nuova coreografia “Sunmit”, progetto in collaborazione con l’Osservatorio Astrofisico e il dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania e con la stessa coreografia è ospite alla rassegna “Eolie sotto le stelle“, a Lipari.
Da Settembre 2010 è docente di danza classica e contemporanea al centro internazionale coreografico Opusballet di Firenze e collabora con Virgilio Sieni per i progetti sulla danza all’interno dell’Accademia del Gesto ai Cantieri Goldonetta. Da settembre 2011 a giugno 2017 docente di danza classica alla scuola del Balletto di Toscana.
Febbraio 2015 è ospite alla rassegna di danza contemporanea NU.DA, a Firenze ,con la nuova coreografia “CUT” , creata per i danzatori della Compagnia Opusballet.